Guida al calcolo dell‘imposta di registro per acquisto prima casa

A grande richiesta daremo una volta per tutte una linea guida al calcolo dell’imposta di registro per l’acquisto prima casa!

Premessa

Nell’ultimo anno il mercato immobiliare sembra aver raggiunto dei livelli di prezzo abbastanza interessanti da rendere nuovamente appetibile l’acquisto della prima casa o della seconda casa.

Grazia alla flessione dei prezzi il 2015 ha segnato dei valori interessanti in termini di compravendite normalizzate, è infatti l’Agenzia delle Entrate a rendere noto come nel 2015 gli acquisti della prima casa sono ritornati a crescere, infatti parliamo di ben un 4,7% in più di acquisti registrati nel 2015 rispetto al 2014.

Ma se compro una casa, come calcolo l’imposta di registro? 

L’Imposta di Registro è la Tassa che si paga in sede di Rogito Notarile, a partire dal 01.01.2014 l’Imposta di Registro si attesta, per l’acquisto della prima casa al 2% della Rendita Catastale Rivalutata.

La Rendita Catastale è un dato che si trova all’interno della Visura Catastale sotto la voce appunto Rendita Catastale, essa ai fini del calcolo per l’Imposta di Registro, riferita all’acquisto della prima casa, va moltiplicata per un coefficiente di riferimento e ci darà il valore fiscale, valore che poi andremo a moltiplicare per l’aliquota di imposta prestabilita:

Formula

(RC * Coefficiente)* Aliquota d’imposta%    

ovvero

(Rendita Catastale*115,50)* 2% 

Questo articolo ti è stato utile? Condividilo o lascia un commento!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi

Scrivici in privato

Potrebbero interessarti anche…

The following two tabs change content below.

Massimo Caratelli

Operante nel settore della Mediazione Creditizia dal 2007. Attualmente, Agente in Attività Finanziaria presso Credipass SRL